Archivi

Categorie

Truman era vicepresidente da soli 82 giorni quando il presidente Roosevelt morì; era il 12 aprile 1945. Nel pomeriggio Truman è al Senato, che ha presieduto come di consueto. Si era appena aggiornato per la giornata e si stava preparando per un drink nell’ufficio del presidente della Camera Sam Rayburn quando ha ricevuto un messaggio che lo esortava ad andare urgentemente alla Casa Bianca. Truman presume che Roosevelt volesse incontrarlo, ma Eleanor Roosevelt lo informa che suo marito era appena morto per un’emorragia cerebrale. La prima preoccupazione di Truman è per Eleanor: le chiede se c’è qualcosa che potrebbe fare per lei, a cui lei risponde: “Sei tu quello nei guai adesso! ” .

Dopo essere entrato in carica, Truman ha chiesto a tutti i membri dell’amministrazione Roosevelt di rimanere in carica, ha detto loro che era aperto ai loro suggerimenti ma ha esposto il principio centrale della sua amministrazione: sarebbe stato lui a prendere le decisioni e dovrebbero sostenerlo. Sebbene Truman fosse stato prontamente informato nel pomeriggio del12 aprile che gli Alleati avevano a loro disposizione una nuova arma estremamente potente, il Segretario alla Guerra Henry Lewis Stimson non gli diede i dettagli fino al 25 aprile. Truman godette di uno stato di grazia dopo la morte di Roosevelt e i successi degli Alleati in Europa. Era felice di poter annunciare la resa tedesca l’8 maggio 1945, il giorno del suo 61 ° compleanno.

Dopo la vittoria degli Alleati, Truman si recò in Europa per la conferenza di Potsdam dove apprese che il test Trinity della prima arma nucleare era su di lui.16 luglio aveva avuto successo. Disse a Joseph Stalin che gli Stati Uniti stavano per usare un nuovo tipo di arma contro i giapponesi. Anche se questa era la prima volta che i sovietici venivano ufficialmente informati dell’esistenza della bomba atomica, Stalin conosceva già il Progetto Manhattan attraverso lo spionaggio ancor prima che lo sapesse Truman.

Ad agosto, dopo che il governo imperiale giapponese si rifiutò di accettare le richieste di resa, Truman autorizzò i bombardamenti atomici del Giappone. Sebbene il significato della devastazione e degli effetti delle bombe atomiche fosse poco compreso, Truman, come la maggior parte degli americani, era riluttante a essere indulgente nei confronti dei giapponesi dopo i lunghi anni di guerra. Ciò è evidenziato dalla voce nel suo diario scritto a Potsdam il25 luglio 1945: “Anche se i giapponesi sono selvaggi, spietati, spietati e fanatici, noi, i governanti del mondo per il bene comune, non possiamo sganciare questa terribile bomba sul vecchio Campidoglio [Kyoto] o sul nuovo [Tokyo]” – precisa lì di aver chiesto al suo segretario per la guerra (Henry Lewis Stimson) che gli obiettivi siano militari, e non civili. Truman ha sempre sostenuto che la sua decisione di bombardare il Giappone ha salvato molte vite su entrambi i lati: stime militari per un’invasione della dell’arcipelago giapponese immaginato un anno di combattimenti e la morte di fra 250.000 e 500.000 soldati Usa. Sapeva anche che il Progetto Manhattan era costato 2 miliardi di dollari; quindi, non era propenso a rinunciare a un’alternativa che potesse porre rapidamente fine alla guerra. Hiroshima è stata bombardata il 6 agosto, Nagasaki il 9 e il Giappone si arrese il 14 agosto.

I difensori della decisione di Truman hanno sostenuto che, data l’implacabile difesa del Giappone delle isole esterne, i bombardamenti atomici hanno salvato centinaia di migliaia di vite che sarebbero andate perse in un’invasione del Giappone. Nel 1954, Eleanor Roosevelt dichiarò che Truman “prese l’unica decisione possibile” e che l’uso della bomba era necessario “per evitare l’immenso sacrificio di vite americane”. Altri hanno sostenuto che l’uso di armi nucleari era inutile e profondamente immorale. Truman scrisse più tardi nella sua vita: “Sapevo cosa stavo facendo quando ho fermato la guerra… non ho rimpianti e, nelle stesse circostanze, lo rifarei”.

Agghiacciante.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Written by : Cesare Gigli