Archivi

Categorie

Konstantin Ustinovich Chernenko, salì al potere dopo Andropov come Segretario Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista il 13 febbraio 1984, fu il leader più anziano dell’URSS: al momento della sua elezione aveva 72 anni.

Chernenko continuò in gran parte la politica di modernizzare del paese avviata dal suo predecessore: fu lui che per primo parlò di “perestrojka” – un concetto più tardi associato a Gorbaciov – dicendo che “il sistema di governo del paese e il meccanismo economico” avevano bisogno della “perestroika” (letteralmente, “ricostruzione”).

Konstantin Ustinovich ridusse gradualmente le incursioni della polizia contro gli assenteisti, ma il suo approccio alla lotta alla corruzione si rivelò più morbido di quello del suo predecessore. Diede nuovo impulso alle indagini sulla corruzione della polizia, che alla fine portarono al suicidio dell’ormai licenziato ministro degli Affari Interni, Nikolaj Shchelokov.

“Penso che Chernenko, salito al potere per un breve periodo, volesse entrare nella storia come un pacificatore. Disse al vicepresidente Bush, che partecipò al funerale di Andropov, che l’URSS e gli Stati Uniti non erano nemici innati”, ha ricordato il diplomatico sovietico Anatolij Adamishin nel suo libro “Over the Years”. Konstantin Ustinovich autorizzò la ripresa dei colloqui sovietico-americani sulle armi nucleari e spaziali. Allo stesso tempo, l’Unione Sovietica boicottò le Olimpiadi di Los Angeles del 1984 come ritorsione per il boicottaggio statunitense delle Olimpiadi di Mosca del 1980.

Il tentativo di Chernenko di una riabilitazione politica di Stalin finì in fallimento. Ma riuscì a ripristinare l’appartenenza al Partito per il 94enne ex ministro degli esteri Vyacheslav Molotov, che era stato espulso da Khrushchev nel 1962 “per attività anti-partito e partecipazione alle repressioni di massa”. La gente cominciò a scherzare sul fatto che Konstantin Ustinovich aveva trovato un successore.

Chernenko morì di arresto cardiaco il 10 marzo 1985; fu l’ultimo Segretario Generale a essere sepolto vicino alle mura del Cremlino. Il giorno seguente, Mikhail Gorbaciov divenne il nuovo, e ultimo, capo dell’Unione Sovietica.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Written by : Cesare Gigli